Come mettere in sicurezza la piscina: ecco i 7 consigli da seguire

Una piscina privata è una vera e propria fonte di relax, ma per godere del benessere in tutta tranquillità, sarà bene capire come mettere in sicurezza la piscina. Ogni vasca, infatti, se non protetta adeguatamente, può costituire un pericolo per i bambini e i propri animali domestici. Per questo motivo, oggi vogliamo parlarti dei 7 consigli da seguire per mettere in sicurezza la tua piscina privata e goderti finalmente il meritato relax senza alcun tipo di preoccupazione. Vedremo quindi quali sono gli aspetti generali da considerare per valutare la sicurezza della piscina, per poi esaminare nello specifico tutti i passaggi che conviene compiere per avere una vasca sicura per tutti i componenti della famiglia. Non ci resta quindi che iniziare!

INDICE

Gli aspetti da considerare durante la progettazione per una piscina sicura

Una piscina sicura è una vasca in cui oltre al benessere dei bagnanti si pensa anche a quello di bambini e animali domestici che potrebbero camminarci attorno. Si tratta infatti di creature che vanno protette, in quanto se dovessero cadere in acqua potrebbero correre notevoli rischi.

Per questo motivo, il nostro consiglio è mettere in conto la sicurezza della piscina sin dall’inizio della progettazione. Ciò significa porre attenzione a una serie di aspetti – come la posizione della vasca, la sua accessibilità e il tipo di prodotti utilizzati – che dovranno essere presi in seria considerazione per dare vita a un luogo privo di rischi.

Già in fase di progettazione, perciò, bisognerà pensare a quali potrebbero essere i rischi che andranno a correre i soggetti fragili della famiglia, realizzando di conseguenza una vasca che sia sicura anche per loro

Se tuttavia dovessi aver già realizzato la tua piscina, è comunque possibile implementare alcune soluzioni che ne aumentino la sicurezza. Per questo motivo ti suggeriamo di leggere i nostri 7 consigli! Ciascuno di questi ti proporrà uno strumento di sicurezza che ti permetterà di rendere la vasca un luogo ideale in cui divertirsi assieme, liberandoti dalla continua preoccupazione che qualcuno possa farsi del male. 

Sicurezza piscina: i 7 consigli da seguire

Rilassarsi immersi nell’acqua cristallina è una sensazione imbattibile e raggiungibile in pochi e semplici passi. Per godere pienamente della propria piscina basterà infatti metterla in sicurezza. Ciò è possibile grazie a pratiche soluzioni che richiedono poco tempo per l’installazione e garantiscono un risultato ottimale che preserverà bimbi e animali domestici – ma anche ogni altro bagnante o soggetto fragile – da eventuali infortuni o rischi.

In particolare, i consigli da seguire per mettere in sicurezza la piscina sono 7:

  • installare una copertura di sicurezza;
  • predisporre una recinzione;
  • scegliere bordi perimetrali antiscivolo;
  • installare una scala per piscina confortevole;
  • acquistare un allarme con sensori;
  • possedere le attrezzature per i più piccoli;
  • frequentare un corso di primo soccorso.

Si tratta di elementi fondamentali che permetteranno di mettere in sicurezza la piscina in modo pratico. Andiamo quindi a esaminarne uno per volta! 

Installare una copertura di sicurezza

Una delle soluzioni più pratiche per mettere in sicurezza la propria piscina è installare una copertura di sicurezza.

In questo modo, si potrà coprire tutta la superficie della piscina, rendendola inaccessibile ed evitando così che bambini e animali domestici vi possano accidentalmente cadere dentro.

Per facilitare l’utilizzo della copertura di sicurezza conviene scegliere un modello a tapparella: questi sono infatti molto pratici poiché si azionano elettronicamente e scorrono sul lato della piscina. Così facendo, la copertura non occupa eccessivo spazio e non deve essere tolta e reinstallata prima e dopo ogni bagno.

Una soluzione alternativa è scegliere una copertura a barre che, una volta distesa sulla piscina e agganciata ai perni, permette di sigillare perfettamente lo specchio d’acqua, evitando cadute accidentali in piscina.

Predisporre una recinzione

Una soluzione altrettanto valida, ma leggermente più impegnativa, consiste nel predisporre una recinzione dotata di un cancelletto per l’ingresso. In questo caso, sarà interdetto l’accesso all’intera area attorno alla piscina, evitando quindi che le persone vi si possano avvicinare.

Si tratta di una vera e propria barriera di sicurezza per piscina, che fa sì che l’accesso alla vasca avvenga solo quando la recinzione viene aperta. Per rendere il tutto ancora più sicuro, alla recinzione si può abbinare la copertura di sicurezza.

Scegliere bordi perimetrali antiscivolo

Uno dei maggiori rischi che ogni bagnante corre è quello di scivolare sul bordo della piscina. Ciò vale ancora di più per i bimbi, che spesso presi dall’entusiasmo si mettono a correre attorno alla vasca, non immaginando di poter scivolare da un momento all’altro.

Per questo motivo, per essere davvero sicura una piscina ha bisogno di bordi antiscivolo. In questo modo, non si rischierà di perdere l’equilibrio e cadere in acqua o subire infortuni.

Installare una scala per piscina

I rischi che i bagnanti corrono non riguardano solo l’area esterna e un’improvvisa caduta in piscina. Può anche capitare, infatti, che vi sia un infortunio all’interno della vasca, e sia quindi necessario uscire velocemente ma in piena sicurezza dall’acqua.

A questa funzione assolve la scala per piscina

Spesso pensata come un semplice accessorio, la scala per piscina è un elemento essenziale di ogni piscina che voglia essere sicura per tutti coloro che ne faranno uso. Grazie alle pratiche pedane rivestite di materiale antiscivolo, sarà possibile entrare e uscire dalla vasca facilmente e in completa sicurezza.

Acquistare un allarme con sensori

Una soluzione tecnologicamente all’avanguardia è indubbiamente quella di acquistare e installare un allarme dotato di sensori di movimento.

Si tratta di dispositivi di alta qualità, capaci di rilevare i movimenti nell’area in cui sono installati, dando l’allarme nel momento in cui dovessero percepire uno spostamento nelle vicinanze e permettendo così di agire immediatamente. Inoltre, sono disponibili versioni che rilevano anche un’eventuale caduta in acqua per pesi superiori a circa 6 kg. Così facendo, si potrà prestare soccorso immediato a chi fosse caduto in acqua.

Possedere le attrezzature per i più piccoli

Quelli fino a qui descritti sono consigli che riguardano attrezzature che vengono applicate alla vasca. Per essere certi che i bimbi non corrano rischi anche mentre sono in acqua, converrà dotarsi di attrezzature per la persona, oltre che per la piscina.

Partendo da un paio di braccioli di qualità, capaci di tenere a galla i bambini ed evitando così che corrano rischi, si può arrivare anche all’acquisto di giubbotti salvagente, dotati di una struttura gonfiabile che permette di restare in superficie non appena indossato il giubbotto.

Frequentare un corso di primo soccorso

C’è infine un ultimo consiglio che riteniamo fondamentale: frequentare un corso di primo soccorso.

Se infatti ciascuna delle soluzioni presentate è in grado di garantire la sicurezza di bambini e animali domestici, il primo e migliore passo per mettere in sicurezza la propria piscina è essere preparati. Ciò significa conoscere i rischi, cercare le soluzioni migliori per prevenirli e ridurli e, quando comunque le precauzioni non dovessero bastare, bisogna essere capaci di agire nel modo giusto e al momento giusto.

Frequentando un corso di formazione in primo soccorso si potrà prestare aiuto a chi ne avesse bisogno fino al momento dell’arrivo degli eventuali mezzi di soccorso specializzati.

Come mettere in sicurezza la piscina: le conclusioni

Mettere in sicurezza la propria piscina è fondamentale per garantire il benessere e il relax di ogni bagnante. Prevenire i rischi per bambini e animali domestici, ma anche per tutti gli altri soggetti che fanno uso della vasca richiede soluzioni ad hoc, che possono essere studiate anche in fase di progettazione.

Tra coperture, recinzioni, allarmi, scale e dispositivi per la persona, la scelta del metodo con cui rendere sicura la propria piscina è davvero ampia, e diverse soluzioni possono essere accoppiate le une con le altre. In ogni caso, converrà essere formati in termini di primo soccorso, in modo da poter agire con prontezza se ce ne dovesse essere il bisogno.Ora che abbiamo visto gli aspetti da considerare e i 7 consigli da seguire per mettere in sicurezza la piscina, non resta davvero altro da fare che godersi in tutta tranquillità il proprio angolo di paradiso personale. E per restare sempre aggiornato su tutto quello che serve sapere per avere una piscina sempre in perfette condizioni, iscriviti alla nostra newsletter!

EHI

Grazie alla produzione in serie abbiamo dimezzato il prezzo del KIT per il cliente finale.