Crema solare e piscina privata: quali sono i rischi

Crema solare e piscina sono due elementi che da sempre vengono affiancati. Difatti, già ai bambini piccoli viene detto che per stare esposti alla luce solare è necessario utilizzare le adeguate protezioni, ovvero le creme solari. Ciò vale in particolare modo in questo periodo, in cui i raggi UV si fanno più forti, rendendo più rischiosa l’esposizione senza un’adeguata protezione. Tuttavia, l’uso della crema solare in piscina può comportare dei rischi sia per il bagnante che per la vasca! Ecco perché abbiamo deciso di esaminare meglio lo studio effettuato dall’Agenzia Americana per la Protezione Ambientale (EPA) e i possibili danni che l’utilizzo di questo prodotto ha nei confronti dei componenti della piscina. Iniziamo!

INDICE

Crema solare e piscina: i pericoli per i bagnanti

Un paio di anni fa l’Agenzia Americana per la Protezione Ambientale ha avviato uno studio riguardo il rapporto tra la crema solare e la piscina. In particolare, nello studio si andava a esaminare i possibili rischi per i bagnanti che, ricoperti di crema solare, si tuffavano in piscina e vi rimanevano per del tempo.

A quanto riportato dai ricercatori, il problema principale poteva essere il diossido di titanio. Si tratta di un minerale naturale che, grazie alla sua conformazione, è capace di assorbire, riflettere e poi disperdere i raggi UV. Viste le sue proprietà, questa molecola è utilizzata come componente base di ogni crema solare e, a quanto riportato dall’EPA, potrebbe avere una reazione con i prodotti chimici presenti nell’acqua della piscina.

Difatti, il diossido di titanio, a contatto con l’acqua della vasca, si scompone in altre molecole. Tra queste è presente anche una forma di ossigeno reattivo che sembra comportare dei rischi per la salute dei tessuti umani.

Come eliminare il rischio?

Come eliminare il rischio delle creme solari

I produttori di creme solari hanno risposto a questa domanda modificando la composizione delle protezioni. Infatti, all’interno delle creme solari è stato inserito anche dell’idrossido di alluminio come strato protettivo nei confronti dell’ossido di titanio.

Gli esperimenti compiuti dagli studiosi, comunque, hanno previsto la simulazione di un ambiente pari a quello della piscina, verificando quindi il degradarsi delle molecole che compongono le creme solari. L’esperimento ha dimostrato che lo strato protettivo dell’idrossido di alluminio inizia a decomporsi dopo tre giorni di contatto con l’acqua della vasca.

Ciò significa che al momento non sono stati dimostrati rischi importanti per la salute umana, poiché la degradazione della protezione inizia dopo diverso tempo, certamente superiore a quello di un bagno in piscina!

Creme solari e piscina, quali sono i rischi per la vasca?

Le creme solari, anche a contatto con l’acqua della piscina non comportano quindi importanti rischi per la salute, ed è bene continuare a utilizzarle per proteggere la propria pelle, possono invece danneggiare la struttura della vasca, compresi alcuni essenziali componenti, come il filtro della piscina.

Il problema principale che le creme solari presentano una volta a contatto con l’acqua della piscina è che non si sciolgono. Difatti, le molecole che compongono le creme solari non sono idrosolubili, nemmeno a contatto con prodotti chimici disinfettanti come il cloro.

Ciò vuol dire che le particelle di crema solare continuano a galleggiare in acqua, causando non pochi danni alla vasca e alla salubrità dell’acqua. Difatti, la sporcizia accumulata sulla superficie della vasca può dare luogo a:

  • acqua torbida;
  • formazione di alghe su fondo e pareti;
  • sovraccarico del filtro.

Se non eliminati, quindi, i residui di crema solare nell’acqua della piscina possono diventare la fonte dello sviluppo di spiacevoli microrganismi e rendere meno efficiente l’impianto di filtrazione e quindi quello di ricircolo dell’acqua, aumentando il rischio che questa diventi stagnante. Per evitare che tutto ciò accada, è necessario pulire in modo profondo la piscina.

Se perciò ti stai chiedendo come pulire la piscina dalla crema solare, non temere, abbiamo la soluzione perfetta per te!

All’interno del nostro articolo “Come pulire una piscina interrata: tutti gli strumenti e i passaggi fondamentali” troverai infatti tutte le indicazioni essenziali per pulire a dovere la tua piscina. Infine, poiché prevenire è meglio che curare, conviene sempre installare una doccia per piscina a bordo vasca, potendo così eliminare la crema solare sotto il getto prima di immergersi in acqua.

Creme solari e piscina privata: le conclusioni

Ora che sei a conoscenza di come si compongono le creme solari, di come le molecole della protezione solare possono danneggiare la piscina e soprattutto dei metodi di pulizia e prevenzione con cui evitare situazioni spiacevoli, non ti resta che goderti le belle giornate di sole nella tua oasi di relax privata!

E per restare sempre aggiornato su tutto ciò che riguarda il mondo delle piscine, ti consigliamo di iscriverti alla nostra newsletter! Potrai contare sul supporto di professionisti del settore, sempre pronti a proporti la soluzione ideale per te.

EHI

Grazie alla produzione in serie abbiamo dimezzato il prezzo del KIT per il cliente finale.